Il futuro dell’ e-commerce: net retail e web to store

Posted by filorsm |24 Lug 16 |

Il futuro dell’ e-commerce: net retail e web to store

 

Lo spostamento di una piccola parte dei consumi, dal vecchio retail al net retail, ha generato l’enorme tsunami che abbiamo chiamato ‘‘ecommerce’’.

I 20,9 miliardi di euro di acquisti che gli italiani hanno fatto transitare attraverso l’online rappresentano tre punti percentuali del totale delle vendite al dettaglio, un piccolo travaso da un canale all’altro.

Ma cosa significa net retail? E’ una modalità di distribuzione di prodotti e servizi abilitata dall’interconnessione sulla rete Internet di diversi soggetti che si occupano ciascuno di una parte dell’intero processo di vendita.

In sintesi è la completa digitalizzazione dei negozi fisici.

Con l’ecommerce i negozi sono andati online, così si si sono affermate nuove abitudini di acquisto per milioni di persone e in molti casi l’online è diventato il primo canale di riferimento per gli acquisti (viaggi, turismo, tecnologia, intrattenimento).

Gli acquirenti online hanno profondamente cambiato l’atteggiamento verso gli acquisti di molti prodotti e servizi e hanno elevato le attese di servizio che si aspettano dai merchant, sia online che tradizionali.

Schermata 2016-07-24 alle 13.08.58

Ma qual è la situazione nel nostro paese?

In Italia, si deve ancora sviluppare questa fase di multicanalità; come dimostrano i dati solo, l’8,6% dei retailers permetteva una sinergia online-offline nel 2015.

Schermata 2016-07-24 alle 13.12.36

Ecco quindi, la motivazione per cui in Italia l’ecommerce vale solo il 3% degli acquisti.

Schermata 2016-07-24 alle 14.32.22

Fonte: Net Retail | Q1 2016

Ma vediamo insieme come il mondo digitale influenza gli acquisti tradizionali, quindi in quale misura l’online contribuisce a far maturare la decisione di acqusito di prodotti che vengono acquistati principalmente offline.

Dall’analisi di Net Retail risulta che quasi il 19% degli acquisti tradizionali è influenzato dalle informazioni raccolte online (con un valore fino a 5 volte superiore a quello delle vendite online).

Il fatto che in molti aspetti lo smartphone abbia sostituito il PC come dispositivo di accesso ai servizi online è uno dei segni più significativi del passaggio in corso dall’e-commerce al Net retail .

Lo smartphone permette l’esperienza in mobilità e diventa l’assistente degli acquisti personali senza distinzione tra canali, lo spazio personale nel quale convergono gli ambienti dell’online e del mondo fisico.

Schermata 2016-07-24 alle 13.29.14

Fonte: Net Retail | Q1 2016

Nel 2015 8 milioni e mezzo di italiani (5 milioni il mese scorso) hanno cercato informazioni online su un prodotto che stavano osservando in un punto vendita fisico, usando il proprio smartphonementre erano nel punto vendita. (Gli utilizzatori di Smartphone connessi alla rete sono 19 milioni).

Schermata 2016-07-24 alle 13.31.25

Fonte: Net Retail | Q1 2016

Il flusso in direzione contraria è ancora più consistente: oltre 13 milioni di individui (il 71,6% degli utenti abituali connessi alla rete) si sono recati almeno una volta in un punto vendita fisico per conoscere un prodotto visto online.

Schermata 2016-07-24 alle 13.32.09

Fonte: Net Retail | Q1 2016

Facebook è la conferma di questo trend poiché sa bene che la maggior parte delle vendite avvengono ancora off line e che deve trovare un modo per tracciare l’impatto di facebook sull’offline per valorizzare se stesso.

Facebook deve quindi rispondere a domande quali:

  • Quanti di coloro che hanno visitato gli annunci sono poi andati in store?
  • Quanti utenti hanno acquistato in store dopo aver visto gli annunci Facebook?

Infatti, il social network ha recentemente annunciato:

  • Nuovo Store Locator nativo: permette di trovare il punto vendita più vicino senza uscire dall’app, visualizzando direttamente tutte le info utili all’utente.
  • Store Visits: nuova metrica per misurare le visite in negozio generate da Facebook Ads
  • Offline Conversion Api: misurazione vendite in negozio registrate dai DB dei punti vendita con Facebook Ads.

Attualmente sono solo disponibili in fase beta per alcune grandi catene in America.

Cosa possiamo fare noi per integrare nella nostra strategia aziendale la multicanalità?

  1. Pick and Pay: possibilità di acquisto online e ritiro in store
  2. Rendere in store un acquisto online
  3. Verificare online la disponibilità di un acquisto in store
  4. Prenotare online un acquisto in store
  5. Utilizzare anche online la carta fedeltà dello store
  6. Promo di benvenuto, Concorsi, Eventi in negozio, Eventi fuori negozio, Contest, Partnership

Tanti strumenti che permettono all’utente una esperienza di acquisto unica e senza soluzioni di continuità, qualunque sia il punto di accesso e favorire una maggior sinergia online offline.